Home

 

 

 

Guardo una tela
Con le mani accompagno

La superficie,

ne accarezzo i rilievi,

le sfumature…la sua chiarezza…

è bianca.

Quel bianco è carico di

Emozioni, pensieri, idee…

Non è un vuoto ma è già…pieno.


Scelgo un colore…il rosso

Non so perché…

Me ne bagno le mani, le

Passo su quella superficie…

Ecco, adesso quelle impronte

Sono diventate vive,

sono diventate le mani di gente…

che urla, chiede aiuto…che gioca anche.

Un groviglio di mani, di corpi

Stanno facendo tutto.


Adesso guardo gli altri colori,

anch'essi vivi…

giallo, blu, verde…


e con il giallo disegno i volti

di molta gente…ne disegno i contorni,

lo stile…


e con il blu ne disegno i corpi

corpi devastati dal dolore,

dalla sofferenza, dalla violenza…


e con il verde inizio a riempire il fondo…

a colmarlo, a rigarlo, a graffiarlo…


vorrei cancellare tutto, vorrei che quei volti

che ho disegnato…scomparissero.



E con il nero…mi accorgo

Che il nero non può mancare…


Tutto è iniziato dal bianco,

tutto è finito con il nero…


ma con il nero, su quel fondo

verde ho disegnato i contorni

delle case, di una città…


proprio quel colore nero, con cui

potevo cancellare tutto…

proprio quello ha ridato vita,

proprio quello ha riacceso una speranza.


Sposto la tela che ho appena…vissuto!

Ne prendo un'altra, e ricomincio…

Un'altra lotta!